Passa ai contenuti principali

Diffondete la notizia, Please!



La retromarcia del Governo sul Nucleare puzza tanto di escamotage per un gioco delle tre carte di cattivo gusto.
Protagonisti da una parte il governo stesso nella parte del mazziere, e gli Italiani dall'altro.Il timore è che il mazziere sia un baro che mentre maneggia le carte mostrandotele una alla volta, nasconda la carta con l'effigie dell'atomo solo per tirarla fuori al momento buono.Ovvero dopo i Referendum del 12 e 13 Giugno.
Affronterò in seguito quanto legato a questo interessante retromarcia sul futuro energetico del nostro paese che assomiglia più una inversione  ad U in autostrada. Per ora in questo post è giusto dare spazio al comunicato che proviene dal neonato Coordinamento Legnanese a supporto dei Referendum. Quale settimana migliore se non questa in cui si festeggia  l'Earth Day e di seguito la Resistenza, per ribadire che malgrado ogni trucco si possa escogitare per boicottare la scelta degli Italiani la parola d'ordine(scusate la retorica) possa essere una sola: Resistere.
Per un futuro diverso: sostenibile, a misura d'uomo e con opportunità per tutti.
I quattro, ormai tre probabilmente, quesiti referendari hanno un indirizzo di riferimento anche nella nostra città, di seguito il comunicato che ufficializza la nascita delle attività del coordinamento del quale siamo (a livello personale e come associazione) parte attiva.
Fate girare questa notizia, per favore.Dopo quanto avvenuto c'è ancor più bisogno di una mano da parte di tutti. 

Si è costituito a Legnano il “Coordinamento del Legnanese 12 GIUGNO - 4 SI PER IL FUTURO” con l’obiettivo di agire nei Comuni del Legnanese per la promozione e la riuscita dei quattro referendum popolari approvati dalla Corte Costituzionale.

Nonostante i temi referendari abbiano avuto percorsi distinti, l'indicazione di voto del “Coordinamento Legnanese” per il 12 e il 13 giugno è unica: data la natura abrogativa dei referendum, scegliere quattro SI significa votare a favore dell'Acqua Pubblica (in due schede), per un diverso futuro energetico (energie rinnovabili) contro il Nucleare e per una giustizia uguale per tutti contro il Legittimo Impedimento.

La scelta del Governo di indire queste votazioni referendarie a giugno, nell’ultima data utile prevista dalla legge, di fatto favorisce l’astensionismo oltre a costituire uno sperpero di centinaia di milioni euro che potevano essere utilizzati diversamente se si fosse proceduto all'accorpamento con le elezioni amministrative. A questo si aggiunge una sorta di oscuramento mediatico con il risultato finale che ad oggi sono ben pochi gli Italiani a conoscenza dei quattro referendum.

Ma l’appuntamento di giugno ed i temi sui quali saremo chiamati a decidere costituiscono una tappa fondamentale per il nostro Paese. In particolare le nostre scelte sui temi ambientali incideranno fortemente sulla vita delle future generazioni:

• l’acqua continuerà ad essere un bene comune a disposizione di tutti oppure permetteremo che anch’essa venga ridotta a merce da cui pochi potranno trarre profitto?

• il futuro energetico dell’Italia si fonderà sulle energie rinnovabili o assisteremo al ritorno del nucleare con tutti i rischi che la tragedia giapponese di Fukushima (25 anni dopo Chernobyl) ha posto sotto i nostri occhi?

Data la rilevanza delle questioni, è necessario informare e portare il maggior numero possibile di persone alle urne, affinché venga raggiunto il quorum degli elettori.

Per questo obiettivo il “Coordinamento del Legnanese 12 GIUGNO” affiancherà le iniziative dei soggetti impegnati nella campagna referendaria, operando fino alla data del referendum, proponendo ed organizzando sul territorio conferenze, dibattiti, volantinaggi, spettacoli, manifestazioni e tutto ciò che sarà utile ad informare la cittadinanza, per esercitare il diritto di voto popolare, così come previsto dalla nostra Costituzione.

Il “Coordinamento del Legnanese 12 GIUGNO - 4 SI PER IL FUTURO” si rivolge a tutti i cittadini, associazioni e movimenti che nel 2010 hanno permesso la presentazione dei Referendum, che hanno firmato per la legge d'iniziativa popolare a favore delle energie rinnovabili, che credono in un futuro nel quale la democrazia, la partecipazione e gli interessi della collettività debbano prevalere su chi vuole operare con il solo scopo di fare profitti o prevaricare i diritti di tutti.

Il primo appuntamento in piazza, è in occasione della manifestazione della CGIL che si terrà nella giornata del 1° maggio in piazza Don Sturzo a Legnano. Il coordinamento sarà presente con  una gazebo ben identificabile.

Il Coordinamento è convinto che il confronto e lo scambio di idee siano il fondamento del vivere civile e della democrazia, perciò invita alle iniziative future anche chi volesse confrontarsi portando idee e tesi di natura opposta.


Coordinamento del Legnanese 12 GIUGNO - 4 SI PER IL FUTURO 

Commenti

Post popolari in questo blog

Insieme per Legnano. Quando la faccia è come il…bronzo.

“Hai la faccia come il…” è una locuzione che normalmente alberga ai bassi livelli nelle conversazioni, recentemente tornata alle cronache dopo essere stata usata come parte del “lessico politico” in una recente assemblea del PD, chiaramente in quella sede censurata.

Un territorio sotto assedio: oggi si decide su ACCAM.

A dispetto del cauto ottimismo che si poteva auspicare alcuni mesi or sono, le novità riguardanti ACCAM e la discarica nel Parco del Roccolo portano nubi nere sul futuro del territorio e sono argomento di cronaca quotidiana.

Ancora polemiche sul Parco ex-Ila (e dintorni).

Ci sono persone che hanno la verità in tasca, certezze cristalline e la convinzione di essere nel giusto.Beate loro.