Passa ai contenuti principali

Fine settimana "bagnato"


Domenica sotto la pioggia a Legnano. Precipitazioni contenute, ma ugualmente fastidiose data l'intermittenza con cui facevano capolino tra le nuvole. Il che ha reso ancor più dura la fatica di chi ha provato a sfruttare il fine settimana per incrementare il bottino di firme necessarie a raggiungere il traguardo delle 200 sottoscrizioni, soglia minima per la presentazione della lista a queste Amministrative 2012.
Malgrado il disagio di dovere montare l'attrezzatura per il presidio con un occhio rivolto al cielo, eventualmente pronti a spostare sedie e tavolini al riparo della pioggia, per SEL il traguardo è a portata di mano, pochi tratti di penna, a cui però vanno aggiunte le firme che realmente costituiranno il margine di sicurezza che non può essere minore di 20-50 adesioni.
Alla vigilia del primo traguardo concreto lungo la rotta che conduce al voto per SEL, bisogna aggiungere l'analogo sforzo che ha coinvolto gli altri due partner politici che sostengono Giuseppe Marazzini, la Federazione della Sinistra e la Lista Civica Marazzini Sindaco nell'avvicinare o (forse) superare lo stesso scoglio, a cui va aggiunta una "sorpresa" dell'ultim'ora.

Infatti, sfumata l'ipotesi dell'IdV traghettata tre settimane or sono alla corte di Centinaio, alcune indiscrezioni della stampa (per esempio Il Giorno nell'edizione odierna) già anticipano come le liste di appoggio alla candidatura a sindaco di Marazzini siano diventate quattro.
Non vi è ancora nulla di ufficiale e per questo motivo non mi soffermo a lungo su questo fatto, dato che la new entry(un po' di mistero non guasta) avrà occasione di spiegare i motivi, che l'hanno spinta ad aderire al progetto nato nella primavera dello scorso anno.
Un progetto conviene ricordarlo,fondato sull'autocandidatura di Marazzini e la ricerca del consenso più ampio possibile intorno ad un programma costruito sul lavoro in consiglio comunale da un lato, su quanto sviluppato nel lavoro della "Bottega di Giuseppe" dall'altro, e unito agli incontri con la cittadinanza  di questi ultimi mesi.
Siamo in ambito di "presentazione" delle liste elettorali e in questa fase oltre a militanti e simpatizzanti che si presume siano, se non schierati acriticamente(cosa che fortunatamente non è), quantomeno predisposti al sostegno, stiamo cercando di convincere persone incontrate per strada, fuori dagli edifici di culto tanto quanto i luoghi di lavoro o svago sulla validità di quanto proponiamo per i prossimi cinque anni di governo a Legnano. 
E quindi proprio per rispetto ed informazione a queste persone riporto quasi "per spot" alcuni di questi principi.Cominciano dal lavoro in CC.
Solo per citare gli ultimi tre anni, il gruppo Consigliare capeggiato da Marazzini nel 2009 è stato promotore dell’odg per la costituzione di un fondo di 100.000 euro a sostegno delle famiglie in difficoltà economiche. Tale Odg approvato all’unanimità e da allora il fondo viene rinnovato annualmente.
Nello stesso anno in cui ha tenuto banco la vicenda dell'allargamento della linea ferroviaria, Marazzini ha  ottenuto la stesura di un odg con la richiesta d’interrare il terzo binario.
In difesa dell’acqua pubblica, nel 2010 ( e con il parallelo supporto del lavoro di partiti e associazioni tra le quali Fare Legnano, prima  nella raccolta firme e poi con la campagna dei Referendum 2011)è stata  proposta la realizzazione della prima “Casa dell’acqua” a Legnano a cui ha fatto seguito una raccolta firme locale. In ambito del PGT 2012, il lavoro del gruppo che sostiene Marazzini lo ha portato redazione di un emendamento riguardante la “priorità d’interramento del terzo binario” e di un odg per il recupero, la ristrutturazione e la valorizzazione dell’ex Colonia Elioterapica. Il lavoro del Consigliere è proseguito negli aspetti legati all'esposto e azioni di piazza contro il disboscamento selvaggio dei Boschi Ronchi e la vendita della nuova RSA.E questi sono solo,appunto, esempi che approfondiremo nei prossimi giorni.

Commenti

Post popolari in questo blog

Insieme per Legnano. Quando la faccia è come il…bronzo.

“Hai la faccia come il…” è una locuzione che normalmente alberga ai bassi livelli nelle conversazioni, recentemente tornata alle cronache dopo essere stata usata come parte del “lessico politico” in una recente assemblea del PD, chiaramente in quella sede censurata.

Un territorio sotto assedio: oggi si decide su ACCAM.

A dispetto del cauto ottimismo che si poteva auspicare alcuni mesi or sono, le novità riguardanti ACCAM e la discarica nel Parco del Roccolo portano nubi nere sul futuro del territorio e sono argomento di cronaca quotidiana.

Ancora polemiche sul Parco ex-Ila (e dintorni).

Ci sono persone che hanno la verità in tasca, certezze cristalline e la convinzione di essere nel giusto.Beate loro.