Passa ai contenuti principali

Giornata dell'Albero 2012 Meglio tardi...


Cicerone amava scrivere: “i vecchi piantano alberi che gioveranno in un altro tempo”. Quel tempo è quello delle nuove generazioni, lasciare loro un albero significa contribuire ad un futuro più ecosostenibile e verde. Ho letto questa citazione insieme al ragionamento che ne consegue nel sito di legambiente dedicato al 21 Novembre, giorno della festa dell'Albero 2012.
Non è solo
il Cigno verde ad organizzare manifestazioni, infatti la sopracitata "festa" si affianca alla Giornata nazionale dell’albero istituita dal Ministero dell’Ambiente il cui obiettivo è sensibilizzare l'opinione pubblica sull'importanza del patrimonio arboreo e boschivo mondiale ed italiano per la tutela della biodiversità.
Non mi dilungo troppo sulla questione in quanto ho già avuto negli anni scorsi di postare alcune riflessioni che comprendevano la descrizione degli obiettivi che il Ministero si prefiggeva di raggiungere con l'istituzione della stessa.
Ugualmente inutile dilungarsi sul fatto che anche quest'anno, salvo accadimenti dell'ultim'ora nella nostra città non sarà celebrato alcunché sul tema, ho chiesto "in giro" (per essere precisi ho inviato una mail) ma la risposta non è stata "soddisfacente".
Quello che mi stupisce di più e che è arrivato a soluzione solo da poche ore era il silenzio del Ministero dell'Ambiente attraverso il proprio sito internet.
Lo segnalo non per una questione di verve polemica ma semplicemente perché il riferimento principale per il sottoscritto (non essendo giornalista e che scribacchia nel suo blog per passione) per conoscere  iniziative del genere rimane l'Ente preposto.
Negli scorsi 2010 e 2011 si diede risalto alla giornata attraverso la pubblicazione di banner, manifesti, una lettera del Ministro(allora si trattava di Stefania Prestigiacomo) ai primi cittadini, oltre al punto importante per la riuscita di una iniziativa visibile: la ricerca di adesioni alla Giornata per comuni, comunità montane e scuole ripetuta nella seconda edizione con la sola cancellazione delle comunità montane dall'elenco.
Sinteticamente; si diede un taglio molto visibile all'iniziativa, a mio modo di vedere unico per catturare attenzione sulla questione salvo poi verificare se il riscontro ottenuto certifichi l'esistenza di un interesse sul tema ed eventualmente (in assenza di esso)permetta di cambiare modo di proposizione.
Quest'anno non è stato così. Salvo miei errori nei giorni scorsi cercando nel sito del Ministero non ho trovato riferimenti ad un appuntamento a cui sulla carta almeno, venivano attribuite molte valenze, neppure una pagina virtuale dedicata ad esso come avvenne nei due anni precedenti 
Solo da una manciata di ore, il 20 novembre è apparso il comunicato che allego che contiene un'iniziativa aperta alle scuole e che si protrae nel tempo.
Poca roba rispetto al solito, per quanto in questo periodo di crisi che sembra avere cancellato dall'agenda politica e dai pensieri delle persone azioni concrete per l'ambiente verrebbe da commentare con un meglio tardi che mai….

Commenti

Post popolari in questo blog

Insieme per Legnano. Quando la faccia è come il…bronzo.

“Hai la faccia come il…” è una locuzione che normalmente alberga ai bassi livelli nelle conversazioni, recentemente tornata alle cronache dopo essere stata usata come parte del “lessico politico” in una recente assemblea del PD, chiaramente in quella sede censurata.

Un territorio sotto assedio: oggi si decide su ACCAM.

A dispetto del cauto ottimismo che si poteva auspicare alcuni mesi or sono, le novità riguardanti ACCAM e la discarica nel Parco del Roccolo portano nubi nere sul futuro del territorio e sono argomento di cronaca quotidiana.

Ancora polemiche sul Parco ex-Ila (e dintorni).

Ci sono persone che hanno la verità in tasca, certezze cristalline e la convinzione di essere nel giusto.Beate loro.