A Legnano il fine settimana Resistente di ANPI e Rete.

Fine settimana denso di iniziative Resistenti a Legnano.
La manifestazione ufficiale verte come ogni anno intorno alla cerimonia di commemorazione degli episodi della lotta partigiana svoltisi nel giugno 1944 alla Cascina Mazzafame.
Organizzata dall'Amministrazione comunale e dalla sezione cittadina "Mauro Venegoni" dell'A.N.P.I.  la cerimonia si svolgerà domenica 8 giugno, invito e descrizione dell'evento sono reperibili da questo link  attraverso il quale si accede al portale cittadino.
Al di fuori della celebrazione,il giorno prima si svolge una proposta inedita nel panorama legnanese "Liberi di R-esistere. L'antifascismo nelle lotte sociali e ambientali".
Si tratta dell'iniziativa prevista alcune settimane or sono, spostata per motivi "meteorologici"in questo fine settimana.
Organizzata dalla Rete Antifascista Nord Ovest-AltoMilanese, sabato 7 giugno a Legnano la piazza Don Sturzo (nel centro cittadino, vecchia piazza del mercato) ospiterà una "giornata di informazione e di interazione, di confronto, di aggiornamento sulle lotte in corso, ma anche di divertimento, di musica e di cibo."
Da parte mia diffondo l'iniziativa attraverso quanto veicolato in rete,la cui lettura continua nelle righe sottostanti.
-L'evento occuperà l'intera giornata, dalle 9 alla 20, con banchetti sul perimetro della piazza ed al centro un tendone-agorà ospiterà assemblee e dibattiti.
Perché una giornata R-esistente ?
Perché ancora una volta e ancora di più il potere di pochi stringe la gola della popolazione, crea la crisi, la promuove come inevitabile con i suoi mezzi di comunicazione.
Punisce con la sua legge iniqua, con le cariche della sua polizia, con denunce, con la reclusione nei c.i.e.,con i fogli di via, chi osa alzare la testa, chi non si fa soggiogare.
Tutto questo succede a chi lotta per la difesa del lavoro e della dignità, per il diritto alla casa, contro le devastazioni ambientali per il diritto a vivere in un territorio non a misura di profitto ma di misura di uomo.
Colpevoli di R-esistere
Nello stesso tempo, come in ogni fase di crisi, si riaffaccia nelle piazze, con arroganza e nell'indifferenza delle istituzioni, chi, pur essendo stato sconfitto dal movimento partigiano della Resistenza, cerca di riproporsi alimentando l'odio e le divisioni sociali, il razzismo e l'omotransfobia : i fascisti.
Ma noi a fare gli spettatori non ci stiamo !!!
Per questo abbiamo deciso di fare un primo passo e di riunire in una grande agorà tante esperienze diverse ma legate da un'unico filo conduttore: l'antifascismo e l'antirazzismo.
Perché è soltanto con il nostro coinvolgimento in prima persona che possiamo pensare le cose, ed è con rabbia e con gioia che dobbiamo cambiarle. La popolazione tutta è quindi invitata a partecipare, interagire, confrontarsi: è con questo spirito che porteremo in piazzala nostra presenza sul territorio, i nostri percorsi,le nostre attività e le nostre lotte, la libertà di esistere come esseri umani e di Resistere per re
stare umani.

Liberi di R-esistere-


Nel volantino allegato il programma completo.Per leggere meglio cliccarvi sopra.

ULTIMI