Il contestato parcheggio al Sacro Monte di Varese.

Una gita al Sacro Monte di Varese è stata l'ideale per passare una giornata finalmente estiva dopo tanta pioggia.
A proposito di precipitazioni la situazione potrebbe per l'appunto "precipitare" (solo figuratamente)in questi giorni se, come annunciato in rete, inizieranno i lavori per la realizzazione di un contestato parcheggio in prossimità della Prima Cappella del Sacro Monte.

Inutile in queste poche righe fare la cronistoria di una vicenda che ha radici profonde, mi limito solo qualche battuta.

Fulcro della vicenda riguarda la realizzazione di tale opera che creerebbe poco meno di un centinaio di posti auto nelle immediate vicinanze della chiesa dell’immacolata, parte integrante del complesso monumentale, e della Prima Cappella (patrimonio Unesco), infrastruttura di cui i detrattori evidenziano problemi tecnici, ambientali ed economici.

Di fatto l'avanzamento del progetto ha suscitato una forte mobilitazione operata da quella parte di cittadini di Varese che reputano l'opera un vero scempio ambientale oltre ad uno sperpero clamoroso di denaro pubblico.
Senza entrare nel merito delle critiche (tra le quali le procedure su come dovrebbero essere eseguiti i lavori preliminari, con l’utilizzo di esplosivo per far saltare una parte di roccia o sulla titolarità delle aree interessate o il fatto che la realizzazione dello stesso metterebbe in ginocchio la funicolare vedi il link) il risultato del coinvolgimento popolare ha prodotto la richiesta dello svolgimento di un referendum,avallato da oltre quattromila firme.
Tuttavia questa proposta è stata rigettata (con la motivazione dell'avanzata fase dell'iter burocratico)dall'amministrazione locale.
Ugualmente parrebbero inutili le proposte alternative presentate (qui un esempio)da più associazioni, idee molto meno pericolose e meno costose.

Non essendo abituale frequentatore della zona, posso solo prendere atto che più soggetti (di impostazione differenti)ammettono come la congestione veicolare in alcuni periodi(festività etc) pesi particolarmente sull'area,di converso sembrerebbe che la soluzione scelta(oltre al soggetto del post viene ipotizzato un altro parcheggio in zona a me ignota) sia la meno valida.
Seguirò altri sviluppi della vicenda, che non saranno tardivi, credo.
Nel frattempo mi piace segnalare una particolarità alla quale sono sensibile.
Riguarda l'alibi che EXPO 2015 offre a tutta una serie di strutture sulla cui utilità vi sono dubbi e che l'approssimarsi dell'evento Expò favorisce.

Secondo fonti in rete, invece di facilitare l'accesso al Sacro Monte del flusso turistico generato dall'Expo 2015 (una delle motivazioni politiche sbandierate da coloro che risiedono in alto loco)questa opera lo ostacolerà pesantemente in quanto i turisti per salire al Sacro Monte dovranno superare la barriera di un cantiere che prevederà il traffico a senso unico alternato sull'unica strada di accesso.Circostanza che se effettivamente verificata, (cosa che non mi auguro)otterrebbe esatto effetto opposto.Con buona pace della fruibilità durante il periodo in cui si svolgerà la manifestazione nel capoluogo.

ULTIMI