Due giorni di prove tecniche di sinistra.

Magari definirle prove tecniche di sinistra sembra un termine esagerato, anzi sicuramente lo è,tuttavia mi sembra un buon titolo per segnalare in positivo quanto avvenuto nello nello scorso fine settimana.
Si è cominciato venerdì sera presso la Sala della Provincia a Legnano, dove il Comitato sovracomunale della zona nato per sostenere la lista L’Altra Europa con Tsipras in occasione delle ultime elezioni europee, ha organizzato un incontro/confronto partecipato,nel quale mi è sembrato di cogliere molta voglia di ripartire.

La buona notizia deve essere però confermata dai fatti e la ricca,qualitativamente valida ed interessante(tra l'altro parzialmente colta dallo scrivente,eclissatosi poco dopo i primi interventi)serie di opinioni e argomentazioni espresse durante la serata ha anche fotografato la realtà nazionale, dove le situazione è tutt'altro che rosea…
Ad introdurre la serata Franca Meraviglia, referente del Comitato del Legnanese di L’Altra Europa,mentre Anna Camposampiero, Alfredo Somoza e  Argyris Panagopoulos, hanno portato le esperienze maturate in altri contesti, fungendo da innesco per una serata di buona politica.
Il giorno seguente si è tenuta nel pomeriggio a Canegrate, grazie all'iniziativa del Gruppo consiliare della Sinistra Legnanese l'incontro"Costruiamo esperienze di Sinistra".
A distanza di oltre due anni dalle ultime elezioni amministrative si sentiva l'esigenza di un momento di discussione e di confronto tra le diverse realtà ed esperienze della Sinistra nel territorio del legnanese, ed in effetti lo scambio è stato proficuo.
Sicuramente l'idea di affrontare in modo più coordinato e efficace i problemi comuni del nostro territorio e le responsabilità che oggi vengono attribuite agli enti locali, è stata valorizzata durante un serrato dibattito.
Il tutto a discapito dell'aspetto che riguarda altri temi ad esempio come aprirsi e veicolare i propri messaggi in maniera efficace ad una "società civile"(termine abusato) che nei confronti della politica ha sempre più -vedasi i risultati dell'astensione nella tornata elettorale regionale appena conclusasi- una disaffezione nei confronti di essa.

Evidentemente trattandosi di una première non si potevano affrontare temi troppo differenti tra loro, attendiamo sviluppi futuri









ULTIMI