Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2015

Si passa la sera scolando barbera...
L'ennesima ordinanza anti-alcol a Legnano prosegue l’indirizzo inaugurato dal centrodestra.

Legnano ritorna “proibizionista”, almeno fino ad Halloween. Questa volta sono tre, in quartieri diversi,le aree nelle quali si limita la vendita di bevande alcoliche da asporto (se non accompagnate da altra merce di valore equivalente) fino al termine di ottobre. La risposta dell’Amministrazione Centinaio al degrado cittadino evocato nelle motivazioni addotte e pubblicate via stampa, ripercorre una consolidata abitudine risalente alle amministrazioni di centrodestra.

Il 6 giugno è giornata nazionale della dignità e per il reddito.
Oltre la rete, arriva nelle piazze l'iniziativa di Libera e Gruppo Abele.

Mentre sembra(il condizionale è d’obbligo) che una maggioranza parlamentare principalmente composta da SEL, M5stelle e l’area Riformista del Pd  possa ottenere dei risultati nel cammino verso l’approvazione del reddito minimo o di cittadinanza(ho avuto occasione di scrivernerecentemente).
Mentre la petizione il cui oggetto è sempre legato al tema del sostegno economico contro la povertà per ottenere  una buona legge entro tre mesi ha raccolto oltre settantamila firme (e il cui obiettivo scade tra ventisei giorni)il nuovo passo che Libera e Gruppo Abele intraprendono per dare forza a questa campagna è rappresentato dall’annuncio di una mobilitazione nazionale.

La giornata nazionale della dignità e per il reddito si terrà il sei giugno,per portare fuori dal social network,nelle piazze cittadine, il successo della mobilitazione on-line.
l’invito dei promotori a portare ovunque la raccolta firme è leggibile per esteso in questo link.

Quando la politica ambientale dell'UE mostra i suoi limiti...
Per Greenpeace l'industria del carbone condizionerà pesantemente il futuro.

La politica ambientale dell’Unione Europea delude. Mi sono fatto l’idea che l’approccio UE sui temi ambientali fosse più teso al principio della salvaguardia rispetto ad altri paesi del mondo,per esempio gli USA dei quali sono note la ritrosia alla ratifica di accordi internazionali su temi cruciali come il clima e gli OGM,o della Cina, che assorbita dalla crescita economica di questi anni ha subito di pari passo un elevato innalzamento dei livelli di inquinamento e un pesante deficit ambientale senza operare un'efficace salvaguardia in direzione "green".

La marcia italiana dell'Energia pulita.
Legambiente stima sia triplicata in dieci anni la copertura del fabbisogno energetico da fonti rinnovabili.

La notizia positiva proviene da Legambiente, secondo cui negli ultimi dieci anni le fonti rinnovabili stanno contribuendo a cambiare il sistema energetico italiano.
Infatti nel 2014 le energie provenienti da fonti rinnovabili hanno contribuito a soddisfare il 38,2% dei consumi elettrici complessivi dell’Italia, quando nel 2005 arrivavano appena al 15,4%.
I dati sono contenuti nel rapporto Comuni Rinnovabili 2015 dell’associazione ambientalista, che indica come nello stesso periodo la variazione della percentuale di copertura dei consumi energetici finali da energie “verdi”passi al 16%  rispetto al 5,3% del 2005.

Reddito Minimo, speriamo di essere ad una svolta!
Tre proposte di legge potrebbero convergere per un risultato storico...

Si legge in questi giorni di Reddito di Cittadinanza, l’occasione è buona per scrivere alcune righe sul tema. Sulla genesi del ragionamento intorno ad uno strumento quale il Reddito Minimo Garantito, sulla sua adozione(pur in diverse forme) in quasi tutti gli stati europei ad eccezione di una minoranza -tra cui il nostro- non mi azzardo neppure nel cimento,bisogna possedere delle competenze per introdurre l’analisi storica di esso. Molto più modestamente posso limitarmi a ricordare con piacere,i momenti vissuti per l’impegno e i risultati raggiunti nella campagna svoltasi nel 2012 e che ruotava intorno alla proposta di legge sull’istituzione del Reddito Minimo Garantito, iniziativa appoggiata a livello nazionale da numerose associazioni, movimenti e partiti (tra cui SEL) che per esteso sono recuperabili al link soprastante e nel seguente.

EXPO: nutrire il pianeta...senza tenere conto dei cambiamenti climatici.
la proposta/petizione di Energia Felice

Come si possa escludere dai post di questo blog una manifestazione che si svolge a meno di venti di chilometri dalla tastiera di chi scrive queste righe è chiaramente impossibile, fosse solo per gli strascichi che ad EXPO fanno da contorno, in primo luogo la guerriglia metropolitana con cui una banda di nerovestiti è riuscita benissimo a soffocare le ragioni di chi ad EXPO si oppone, e non da ieri. Dopo lo scontato accenno alla cronaca, inutile peraltro proprio per l’ampia visibilità mediatica “conquistata” per le strade milanesi dai black block (e tutto quanto pubblicato sul tema) preferisco scrivere sulla kermesse milanese citando il sito di “Energia Felice” che alcuni giorni or sono, prima dell’apertura della manifestazione, ha espresso delle riflessioni sotto forma di petizione