Passa ai contenuti principali

In Europa passa il "condono" sulle emissioni auto.

Oltreoceano avranno tanti difetti e lo scrive uno che non si può certo definire di “manica larga” verso gli USA ma, quando si tratta di regole non scherzano.
Una prova sono le sanzioni minacciate di cui abbiamo letto nel caso del Dieselgate-Volkswagen,lo scandalo delle emissioni truccate, in cui le ipotesi arrivano a prevedere cifre astronomiche per le violazioni alle leggi sull'ambiente operate dai costruttori.


In Europa invece ,malgrado l’emergenza smog che colpisce tante città ad ogni latitudine si ragiona con una mentalità differente, datata quanto l’aggettivo che qualifica il nostro continente-vecchio-.In uno scenario dove non esiste(ancora?) un caso accertato come quello che ha coinvolto la casa di Wolfsburg oltreoceano, ma con forti sospetti che alcuni controlli possano essere elusi, si agisce sui limiti delle emissioni dei veicoli.

Denuncia la decisione del Parlamento Europeo anche Legambiente, a cui si deve la segnalazione dei parlamentari italiani del Ppe, Lega,Ncd e della destra che hanno “stoppato” la richiesta della commissione ambiente di porre il veto al progetto di atto delegato della Commissione europea (in questo articolo da Greenreport)volto ad istituire la procedura per i test sulle emissioni degli autoveicoli in condizioni reali di guida che quindi viene respinto.
Accomunato dalla scelta di voto dei parlamentari del centro destra secondo Sinistra Italiana(vedi) anche il voto di sei eurodeputati del PD.


Poco da dire su questa Europa sulla quale ho sempre più dubbi.Sul Belpaese invece li avevo da tempo, e quindi non rappresenta una notizia nuova.

Commenti

Post popolari in questo blog

Insieme per Legnano. Quando la faccia è come il…bronzo.

“Hai la faccia come il…” è una locuzione che normalmente alberga ai bassi livelli nelle conversazioni, recentemente tornata alle cronache dopo essere stata usata come parte del “lessico politico” in una recente assemblea del PD, chiaramente in quella sede censurata.

Un territorio sotto assedio: oggi si decide su ACCAM.

A dispetto del cauto ottimismo che si poteva auspicare alcuni mesi or sono, le novità riguardanti ACCAM e la discarica nel Parco del Roccolo portano nubi nere sul futuro del territorio e sono argomento di cronaca quotidiana.

Ancora polemiche sul Parco ex-Ila (e dintorni).

Ci sono persone che hanno la verità in tasca, certezze cristalline e la convinzione di essere nel giusto.Beate loro.