Scoperta la più grande discarica abusiva nel PAM, non unico dei suoi problemi.

Il Nucleo ambientale della polizia locale(di Busto Arsizio)dopo diversi appostamenti ed indagini, porta alla luce nel Parco Altomilanese una delle più vaste discariche abusive mai scoperte nel corso degli ultimi anni.

Secondo quanto riporta la stampa si tratterebbe della più impattante in assoluto per quantità e composizione dei rifiuti,(300 metri cubi di rifiuti speciali, anche pericolosi) derivanti da diversi cantieri e attività dell’Alto Milanese.
La vicenda è allarmante non solo per la rilevanza degli scarichi, per la pericolosità degli stessi,o per la violenza al territorio ma anche per il posizionamento in un Parco che l’amministrazione comunale dichiara da anni di volere ingrandire.
L’ampliamento del Parco Alto Milanese infatti  è da tempo evocato da Palazzo Malinverni e dalla maggioranza che lo sostiene ma alle parole non sono ancora stati abbinati atti concreti che spostino l’allargamento del Parco dal Documento di Piano del PGT.
O almeno che lo facciano supporre.
Nell’attesa che la politica o la burocrazia seguano il suo corso, il PAM (che da oggi,27 luglio dovrebbe avere il nuovo Presidente)oggettivamente come quasi tutte le aree verdi della zona, legnanesi e non (a volte senza distinzione tra più o meno raggiungibili, indice di una certa impunità)non sfugge al fenomeno degli scarichi abusivi che nel corso degli anni si ripete incessante -a volte sotto controllo, a volte meno-in tutta la zona parco, ma mai con questa gravità.
Il riacutizzarsi della piaga degli ecoreati non è l’unico problema ad affliggere il polmone verde dell’Altomilanese, su cui incombe anche l’incognita della realizzazione dell’impianto di digestione anaerobica lungo la via Novara, e a parere personale, un certo modo di vivere il Parco da parte di alcuni assidui frequentatori che probabilmente non colgono la differenza tra l’usufrutto di un bene comune e la parziale occupazione dello stesso.




Foto di apertura del post opera del sottoscritto risalente ad alcuni anni fa.

ULTIMI